FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Gli aeroporti più belli, in cui anche il ritardo non pesa

Le attese possono essere piacevoli a Singapore, Venezia, New York, Doha, Wellington

Uno dei timori più diffusi del turista, soprattutto estivo, è il ritardo dei voli e le estenuanti soste negli aeroporti, quando l’attesa del fatidico annuncio della partenza diventa un vero tormento. PiratinViaggio ha trovato cinque scali in cui l’attesa del proprio volo può diventare un momento di piacere.

Il volo è in ritardo? Gli aeroporti più belli, anche per una sosta lieve

Aeroporto di Changi, Singapore – Il Changi, con i suoi 5 Terminal, è molto più di un semplice aeroporto, è un vero e proprio parco di attrazioni che offre una scelta inesauribile di servizi, divertimenti e comfort e domina dall’alto la classifica dei World's Top 100 Airports 2019 di Skytrax per il settimo anno consecutivo.. Per i più piccini il divertimento è assicurato al Canopy Park, un labirinto naturale pieno di piante esotiche, nuvole artificiali e reti sospese sugli alberi, mentre il Giardino dei Cactus e il Giardino delle Farfalle, che ospita più di mille esemplari, conquistano anche il cuore dei più grandi. L’aeroporto di Changi offre inoltre due cinema aperti 24/24, un Entertainment Deck con i videogiochi delle ultimissime consolle, una piscina sul tetto dove rilassarsi prima dell’imbarco, ristoranti e lussuosi negozi per rimanere al passo con gli ultimi trend della moda.

Aeroporto JFK di New York, Stati Uniti - L’aeroporto della Grande Mela è uno degli aeroporti più celebri e frequentati al mondo, nonché un vero gioiello architettonico, grazie al suo design contemporaneo, ai giochi di luce e alle attrazioni che offre ai passeggeri. Se la partenza (o la coincidenza) ritarda si può approfittare di uno scalo lungo per soggiornare nell’esclusivo e avanguardistico TWA Hotel che offre 512 stanze, una cocktail lounge, un museo che ripercorre la storia dell’omonima compagnia aerea e, per i più sportivi, una palestra di 10.000 metri quadri. E non è tutto: dall’Infinity Pool sul tetto del TWA Hotel, una piscina a sfioro lunga quasi 20 metri, gli ospiti potranno godere di una vista mozzafiato su uno degli aeroporti più famosi al mondo.

Aeroporto Marco Polo di Venezia, Italia - Ammirare dall’alto la laguna di Venezia al tramonto è un sogno che diventa realtà volando dall’aeroporto Marco Polo. Un ritardo di qualche ora permette di andare alla scoperta di una delle città più belle del mondo. E’ possibile raggiungere la Serenissima via battello o autobus, ammirare i palazzi storici che si affacciano sul Canal Grande o tentare di scattarsi una foto ricordo sul Ponte dei Sospiri. Per coloro che vogliono vivere la Venezia più autentica la soluzione migliore è fare un giro per i Bacari, le osterie tipiche veneziane più ghiotte, dove è d’obbligo gustarsi “un’ombra” di vino. Se invece la sosta non prevede l’uscita dall’aeroporto, il Marco Polo dispone di tutti i servizi, di boutique esclusive e anche di una sala VIP, il “Marco Polo Club”, aperta tutti i giorni dalle 5 alle 23 dove è possibile usufruire di tutte le comodità e tecnologie, per essere pronti e ricaricati a saltare sul prossimo aereo.

Aeroporto Hamad, Doha, Qatar - Si dice sia costato 16 miliardi di dollari: l’aeroporto Internazionale Hamad, dopo la sua inaugurazione nel 2014, è rapidamente diventato uno degli aeroporti più appariscenti e rinomati a livello mondiale. L’architettura esterna ha linee morbide che ricordano le onde del Golfo Persico e, addentrandosi nelle hall dell’aeroporto, sembra di trovarsi in una galleria d’arte. Tra le innumerevoli attrazioni a disposizione dei passeggeri si contano due hotel, palestre, campi da squash e una piscina sul tetto dell’edificio, l’ideale per rinfrescarsi dal caldo torrido. Anche gli amanti dello shopping possono trovare la loro oasi di pace in più di 80 boutique esclusive.

Aeroporto di Wellington, Nuova Zelanda - L’aeroporto di Wellington è famoso per il terminal dall’architettura stravagante e futuristica, progettata per rappresentare la cultura, la storia e il paesaggio naturale roccioso della città che lo ospita. Gli interni del terminal dell’aeroporto hanno infatti i colori dell’oro e del marrone e sono costruiti in rame e legno: ecco perché è conosciuto anche con il nome di “The Rock”. Se il volo è stato posticipato di un giorno si può cogliere l’occasione per uscire dall’aeroporto e visitare la cittadina di Wellington, famosa per essere stata il set principale delle riprese del Signore degli Anelli.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali