FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Zuckerberg lancia Libra, la criptovaluta made in Facebook

La nuova moneta a partire dalla metà del 2020. Con Libra si potrà pagare e trasferire denaro su Messenger, WhatsApp, Facebook, ma sono già 30 le aziende globali che hanno aderito al progetto: da Visa a Mastercard, da Paypal a Uber

Il fondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, ha annunciato con un post la nascita ufficiale di Libra, la criptovaluta del social network. Con la quale, ha spiegato, "aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere soldi proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto". Zuckerberg ha quindi spiegato che il denaro mobile "è particolarmente importante per chi non ha accesso alle banche tradizionali".

La nuova moneta farà la sua apparizione nella metà del 2020 e coinvolgerà una platea potenziale di due miliardi di persone, quanti gli utenti del social. Ma Librà potrebbe interessare anche alle "persone che non hanno accesso alle banche tradizionali - ha spiegato il fondatore di Facebook -. Ci sono circa un miliardo di persone che non hanno un conto in banca ma hanno un cellulare".

Con Libra si potrà pagare e trasferire denaro su Messenger, WhatsApp e Facebook, ma sono già 30 le aziende globali che hanno aderito al progetto - da Visa a Mastercard, da Paypal a Uber fino a Vodafone - e altri 70 nomi saliranno a bordo in futuro.

La rete Libra "si baserà su una blockchain open source sicura, scalabile e affidabile. Questo contribuirà a far emergere un nuovo ecosistema finanziario con nuovi usi progettati per incoraggiare l'inclusione finanziaria e l'innovazione", ha ricordato Zuckerberg. Libra "sarà sostenuta da una riserva di beni reali che forniscono stabilità e preservazione dalla speculazione". Lo scopo dell'Associazione Libra "è fornire un quadro di governance per la rete Libra, facilitare il funzionamento della blockchain, gestire la riserva e aiutare l'ecosistema ad evolversi. Avrà il coordinamento della roadmap tecnica della Rete Libra, preparandosi per il passaggio a una piena blockchain senza autorizzazione assicurando che i membri fondatori mantengano lo stesso ruolo".

Questione privacy e sicurezza - Nel suo lungo post Zuckerberg ha dato assicurazioni sulla privacy e sulla sicurezza. "Per rendere i pagamenti facili come l'invio di una foto, Facebook sta lanciando anche una filiale indipendente chiamata Calibra che costruisce servizi che ti permettono di inviare, spendere e risparmiare Libra, a partire da un portafoglio digitale". Calibra sarà regolamentata come altri fornitori di servizi di pagamento. "Tutte le informazioni che condividi con Calibra - ha spiegato - saranno tenute separate dalle informazioni che condividi su Facebook. Dall'inizio, Calibra ti permetterà di inviare denaro a quasi chiunque con uno smartphone con un costo che sarà o basso o nullo". In futuro dovrebbe essere possibile pagare le bollette, acquistare caffè o biglietti della metro.

Previsti rimborsi in caso di frode - "La privacy e la sicurezza - ha quindi assicurato Zuckerberg - saranno costruite in ogni passo. Ad esempio, Calibra avrà un team dedicato di esperti nella gestione dei rischi, incentrato sulla prevenzione delle persone che utilizzano Calibra per scopi fraudolenti. Abbiamo la protezione delle frodi, quindi se perdi le monete, ti offriamo i rimborsi".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali