FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Firenze, destituiti i due carabinieri accusati di violenza sessuale

I due sono in attesa della decisione sul rinvio a giudizio, lʼudienza è fissata per il 30 maggio. La difesa: "Innocenti, chiederemo la riammissione"

L'Arma dei carabinieri ha destituito Marco Camuffo e Pietro Costa, i due militari di Firenze accusati di violenza sessuale nei confronti di due studentesse americane. La decisione è arrivata al termine dell'indagine disciplinare avviata dopo la denuncia da parte delle giovani, che sostengono di essere state violentate nella notte fra il 5 e il 6 settembre. I due sono in attesa della decisione sul rinvio a giudizio. L'udienza è fissata per il 30 maggio.

Si tratta di un provvedimento di "perdita del grado per rimozione" adottato su proposta del comando generale dell'Arma dei carabinieri in base alla valutazione sul comportamento tenuto dai due militari quando furono chiamati per una rissa in una discoteca.

Al termine dell'operazione, i due si sono trattenuti nel locale per "agganciare" le giovani e poi le hanno accompagnate a casa usando l'auto di servizio, azione consentita solo in casi eccezionali. La vettura è stato poi parcheggiata sotto l'abitazione delle studentesse, dove sarebbe stata consumata la violenza.

Secondo la difesa dei due militari, però, i carabinieri accusati della violenzqa "non sono stupratori, sarà dimostrata la loro innocenza nel processo penale e chiederemo così la loro riammissione nell'Arma". I legali stanno inoltre "valutando se fare ricorso al Tar" contro il provvedimento dell'Arma.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali