FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Arezzo, spacciava droga con tanto di ricevuta ai clienti: arrestato un 21enne

Il giovane aveva allestito un deposito in unʼarea boschiva. Gli agenti hanno recuperato quasi due chili di droga tra marijuana e hashish e 3mila euro in contanti

Arezzo, spacciava droga con tanto di ricevuta ai clienti: arrestato un 21enne

Un 21enne di Sansepolcro (Arezzo) è stato arrestato per spaccio di droga. A caratterizzare l'attività del giovane, che aveva allestito una sorta di deposito in un'area boschiva nei pressi della cittadina, era il fatto di rilasciare ai clienti vere e proprie ricevute con tanto di esatta dicitura ("per cessione dose di sostanza stupefacente"). La polizia ha recuperato quasi due chili di droga tra marijuana e hashish e tremila euro in contanti.

Marijuana e hashish con ricevuta - Secondo quanto riferito dall'Ansa, il giovane, nato e residente a Sansepolcro, si spostava dal deposito che aveva allestito per raggiungere i clienti e vendere loro marijuana e hashish rilasciando la ricevuta accuratamente compilata. I poliziotti lo hanno individuato grazie ad alcune segnalazioni arrivate per la costante e sospetta presenza di giovani nel boschetto. 

L'agenda coi nomi dei clienti - Il 21enne, che copriva il mercato locale, aveva persino un'agenda con relativi indirizzi dei clienti, tutti giovani di Sansepolcro e dintorni.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali